Sicuro di risparmiare con un depuratore per l'acqua?!

L’acquisto di un depuratore acqua non fa bene solo alla salute, ma anche al portafogli!

Bevendo l’acqua direttamente dal rubinetto sarà possibile evitare di spendere soldi nell’acquisto quotidiano di acqua in bottiglia, decisamente più costosa rispetto a quella fornita attraverso la rete idrica pubblica.
Un risparmio forse piccolo, ma in grado di ripagare inizialmente il costo di acquisto del depuratore, per poi tradursi in breve tempo in un vero e proprio guadagno.

Non ci credi?

Facciamo un calcolo semplice: in media si spendono circa 350 euro l’anno di acqua per una famiglia di medie dimensioni (ed è una stima al ribasso, tenendo conto che nel periodo estivo il consumo d’acqua potabile accresce notevolmente):
in dieci anni spenderesti circa 3.500 euro d’acqua.

 Il costo medio di un depuratore, spalmabile nello stesso periodo e comprensivo della manutenzione, è decisamente inferiore, oltre ad avere l’acqua depurata soprattutto per la cottura degli alimenti. Bere l’acqua in casa, dunque, ti permette davvero di risparmiare, ottenendo oltretutto importanti vantaggi per la tua famiglia e non solo.
Infatti, i benefici dei depuratori d’acqua non sono soltanto economici: avendo l’acqua a casa e non dovendo comprare bottiglie in plastica, ridurrai i consumi e, conseguentemente, l’inquinamento.

Se con un depuratore fai circolare meno plastica (le confezioni PET in cui viene imbottigliata l’acqua), ci sarà minor rischio di inquinamento ma anche minori spese a carico della collettività per organizzare la raccolta differenziata e avviare al riciclo le bottiglie usate. In questo modo contribuirai non solo al benessere della tua famiglia, ma farai la tua (piccola, ma grande) parte per la salvaguardia dell’ambiente. 
leggi qui per saperne di più!

L'acqua sprecata in casa per ignoranza

Per risparmiare e non sprecare acqua bisogna inoltre conoscere alcuni consumi assurdi. Sono quelli che facciamo, in modo inconsapevole, per scarsa conoscenza dei consumi inutili. 
Ecco i più importanti:
Trenta litri: È lo spreco di acqua se si lascia il rubinetto aperto mentre ci si lava i denti.
Venti litri: lo spreco di acqua facendola scorrere mentre ci si rade.
Venti litri: Risparmio di acqua installando nei wc scarichi a flusso differenziato.
Da quaranta a sessanta litri: È il risparmio per ogni lavaggio di lavastoviglie e lavatrice a pieno carico.
Cento litri: Risparmio di acqua se si lava l’auto con un secchio anziché con il tubo di una pompa.
Quattro litri: Il risparmio giornaliero se si lavano le verdure lasciandole in ammollo invece di usare l’acqua corrente.

inoltre un'acqua contenente meno calcare e sali minerali tiene in vita gli elettrodomestici più a lungo oltre che darti tutti questi vantaggi:
– gli abiti e le stoviglie risulteranno maggiormente puliti e senza aloni 
– minore anche il consumo di detersivi
– meno conseguenze negative per epidermide e capelli